Cos’é il ciclo di vita di un prodotto?

Per i designer, l’estetica è definitivamente importante per rendere le persone interessate all’utilizzo del prodotto. Tuttavia, il ruolo del designer va al di là di questo. Infatti, la progettazione di un prodotto inizia all’inizio del suo ciclo di vita, ha quindi un’influenza su ciò che accadrà al prodotto in futuro. Ogni prodotto ha un ciclo di vita. Quest’ultimo può essere suddiviso in fasi: la fase di produzione, la fase di consumo e la fine del ciclo di vita. Per il progettista, ognuna di queste fasi solleva domande come “quali materiali e tecniche di fabbricazione vengono utilizzati per produrre il prodotto?” o “Come il consumatore utilizza il prodotto?” o “Cosa succederà quando il prodotto sarà scartato?

L’importanza della fine del ciclo di vita di un prodotto

Quando vogliamo progettare un prodotto a basso impatto ambientale, è essenziale pensare a cosa succede al termine della vita del prodotto. Questo si riferisce alla fase in cui il prodotto è alla fine della sua vita utile, o più comunemente quando il prodotto diventa un rifiuto. È importante responsabilizzare il consumatore verso un modo più responsabile di smaltire i prodotti che usa e questo inizia durante la fase di progettazione.

Sviluppare un ciclo di vita circolare

L’eco design va contro la progettazione di prodotti che vengono scartati dopo un solo utilizzo e che di solito vengono inceneriti a fine vita. I prodotti di eco-design vanno di pari passo con la progettazione di prodotti sostenibili, rispondono a domande come “Come possiamo trovare il modo di far sì che a fine vita diventino una risorsa per realizzare nuovi prodotti”. Ciò equivale a sforzarsi di progettare prodotti che hanno un ciclo di vita più circolare, seguendo quindi un principio di economia circolare. Le strategie che possono essere applicate per sviluppare prodotti di eco-design, mirano ad estendere o chiudere il ciclo di vita dei prodotti.

La differenza tra la chiusura e l’estensione del ciclo di vita di un prodotto

Chiudere il ciclo di vita di un prodotto significa utilizzare materiali che possono essere facilmente riciclati e dai quali estrarre preziose materie prime secondarie, utilizzate per realizzare nuovi prodotti (1. Progettazione per il riciclaggio). Quando i materiali utilizzati sono biodegradabili, il prodotto si inserisce nel ciclo biologico, invece di un ciclo tecnico che comprende il riciclaggio meccanico. La biodegradabilità è la capacità del materiale di essere degradato dall’attività biologica (2. Design per la biodegradabilità). Prolungare la durata di vita di un prodotto significa progettare prodotti che durano più a lungo e non si rompono facilmente, in opposizione all’obsolescenza pianificata. I prodotti durevoli possono essere riutilizzati più volte (3. Progettazione per la riutilizzabilità). Inoltre, una durata di vita prolungata può anche significare prodotti che sono facili da smontare e rimontare e che sono quindi progettati per essere riparati (4. Progettazione per la manutenzione). Naturalmente, il prodotto con una durata di vita estesa può anche essere riciclato e quindi avere un ciclo di vita chiuso.

I seguenti sono quattro esempi selezionati di prodotti di eco design.

1. Design per il riciclaggio

Un esempio di questo è InterFace Net-Works (http://net-works.com/) un programma che si procura le reti da pesca dalle zone costiere per ripulire gli oceani e le spiagge, creando opportunità finanziarie per le persone nelle comunità impoverite e fungendo da fonte per creare filati riciclati per i tappeti Interface. Interface ha anche una missione esemplare di “zero rifiuti”, riducendo al minimo la produzione di rifiuti durante la produzione e il post-consumo, introducendo schemi di ritiro per riciclare il più possibile le vecchie pavimentazioni per produrre nuove piastrelle.https://www.interface.com/APAC/en-AU/campaign/climate-take-back/Climate-Take-Back-en_AU

2. Design per la biodegradabilità

Un esempio di progettazione per la biodegradabilità è la progettazione di prodotti realizzati con biopolimeri, che saranno scomposti in condizioni industriali o decomposti biologicamente da microrganismi, come batteri e funghi. I risultati di questa decomposizione sono sottoprodotti naturali come gas (CO2, N2), acqua, biomassa e sali inorganici. Rodenburg biopolimeri sviluppa Solanyl (http://biopolymers.nl/biopolymers/#solanyl), un polimero fatto con materie prime localmente abbondanti, bucce di patate rimaste dalla produzione di patatine fritte e altri prodotti a base di patate. Solanyl biodegrada nel terreno e può essere utilizzato come nutriente dai microrganismi. Questo lo rende un materiale adatto per prodotti che possono finire nel terreno per errore (sacchetti di plastica, posate usa e getta, monete per le feste) e prodotti che si sciolgono deliberatamente durante l’uso (protezioni per le radici, fermagli per le piante, tazze da vaso).

 3. Design per riutilizzare

L’esempio selezionato per questa sezione é RePack (https://www.originalrepack.com/) che sviluppa un imballaggio riutilizzabile per almeno 20 cicli. L’imballaggio RePack è disponibile in 3 diverse dimensioni in cui è possibile inserire la merce, sigillarla e spedirla al destinatario. Una volta ricevuti, il sigillo e la merce vengono rimossi, e il RePack vuoto viene semplicemente piegato in formato lettera e restituito per essere riutilizzato. Questo servizio riutilizzabile è gratuito per il consumatore. RePack riprende l’imballaggio, lo controlla, lo pulisce e lo ridistribuisce.

 4. Design per la manutenzione

Nel caso della società Gerrard Street (https://gerrardstreet.nl/) non si acquistano le cuffie, si acquista il servizio di ascolto della musica in movimento sotto forma di abbonamento. Potete facilmente ordinare le cuffie nel loro negozio online, riceverle a casa, usarle quanto volete. Se qualcosa si rompe, potete facilmente ordinare un modulo sostitutivo e riceverlo nella vostra cassetta delle lettere. È inclusa una busta di ritorno per il modulo danneggiato. Non è necessario pagare alcun costo aggiuntivo per la riparazione.

Per aiutarvi a sviluppare prodotti ecosostenibili, sono in fase di sviluppo gli “eco design sprint”. Prendendo ispirazione dagli sprint di design, un processo che utilizza esercizi di design thinking con l’obiettivo di ridurre il rischio quando si porta un nuovo prodotto sul mercato. Il processo aiuta a definire chiaramente gli obiettivi, a convalidare i presupposti e a decidere una roadmap di prodotto prima di iniziare lo sviluppo. Se vi trovate a Berlino, la fabbrica di apprendimento organizza degli sprint di eco design sia per i singoli che per le organizzazioni, che potete controllare qui https://ecodesignlearningfactory.com/ Per saperne di più sui principi dell’eco design, l’Agenzia Federale Tedesca per l’Ambiente sta conducendo l’iniziativa Eco Design Circle https://www.ecodesigncircle.eu/about-ecodesign che raccoglie risorse utili a sostenere lo sviluppo di prodotti di eco design. Per verificare ulteriori esempi di prodotti di eco design, il premio federale tedesco per l’eco design Award 2018 (https://bundespreis-ecodesign.de/en/index.html) premia i migliori prodotti che seguono i principi dell’eco design.     Altre risorse: https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/21681015.2016.1172124 https://idz.de/en/projects/ecodesignfuerkmu.html https://www.umweltbundesamt.de/themen/wirtschaft-konsum/produkte/oekodesign https://www.econcept.org/language/de/ http://ec.europa.eu/growth/industry/sustainability/ecodesign_en https://www.core77.com/Sustainable-Design http://guides.library.illinois.edu/c.php?g=347670&p=2344606 https://www.eup-network.de/background/ecodesign-directive/ https://www.ecodesignkit.de/home-willkommen/

Innovare per ridurre i rifiuti dal packaging in plastica

Innovare per ridurre i rifiuti dal packaging in plastica

Case study: quali modelli di business consentono la prevenzione dei rifiuti nell'industria degli imballaggi in plastica   1. Gli attori chiave della filiera del packaging di plastica Come forse già sapete, i grandi marchi, i rivenditori e gli altri stakeholder...

leggi tutto
Come progettare packaging ecosostenibile?

Come progettare packaging ecosostenibile?

Cosa considerare quando si progetta un packaging eco-compatibile, adottando un approccio basato sul ciclo di vita. I frutti hanno il loro "imballaggio" protettivo. La buccia dei limoni, delle arance o di altri agrumi è ruvida, protegge dagli urti, la forma rotonda...

leggi tutto