Seleziona una pagina

Cosa considerare quando si progetta un packaging eco-compatibile, adottando un approccio basato sul ciclo di vita.

I frutti hanno il loro “imballaggio” protettivo. La buccia dei limoni, delle arance o di altri agrumi è ruvida, protegge dagli urti, la forma rotonda distribuisce le forze in modo uniforme. Eppure, nei nostri supermercati, vediamo questi frutti avvolti singolarmente nella plastica. Il modo in cui produciamo e consumiamo gli imballaggi di plastica ci sta davvero sfuggendo di mano. Non c’è da stupirsi che ci siano sempre più regolamenti che si avvicinano per mettere sotto pressione gli attori che introducono gli imballaggi in plastica sul mercato.
Il Parlamento Europea ha stabilito un divieto on certain types of single use plastic items, such as straws, cutlery and cups. We hopefully will not see them around anymore by 2021!

alcuni tipi di articoli di plastica monouso, come cannucce, posate e tazze. Speriamo di non vederli più in giro entro il 2021! Inoltre, ogni paese sta facendo la sua parte per adottare misure per ridurre la quantità di imballaggi generati dalle attività commerciali o per selezionare fornitori più responsabili. La Germania, ad esempio, ha una nuova legge sugli imballaggi chiamata VerpackG, promulgata nel gennaio 2019. Questa legge spinge le aziende che introducono imballaggi nel mercato tedesco a registrarsi come produttori di imballaggi, il che comporta il pagamento di una tassa in base alla quantità di imballaggi generati o importati.

D’altra parte, iniziative come la New Plastics Economy della Fondazione Ellen McArthur stanno spingendo i grandi attori del mercato a lavorare verso la stessa visione di “eliminare gli articoli di plastica di cui non abbiamo bisogno; innovare in modo che tutta la plastica di cui abbiamo bisogno sia progettata per essere riutilizzata, riciclata o composta in modo sicuro; e far circolare tutto ciò che usiamo per mantenerla nell’economia e fuori dall’ambiente”.

Seguendo questo approccio progettuale, basato sul concetto di ciclo di vita, analizzerò il tema dell’imballaggio ecologico dal punto di vista del ciclo di vita. Allo stesso tempo, darò delle linee guida su come sviluppare soluzioni di packaging più sostenibili guardando alle diverse fasi del ciclo di vita dell’imballaggio:

 

1. Fase di produzione dell’imballaggio: attenzione alla scelta del materiale

L’imballaggio attuale è realizzato con combustibile fossile, attraverso un processo chiamato polimerizzazione. I polimeri sono composti con stabilizzatori UV, antiossidanti e/o altri agenti per ottenere un materiale plastico con proprietà adatte a varie applicazioni. La plastica vergine è la resina prodotta dai prodotti petrolchimici, come il gas naturale o il petrolio greggio.

Trovare materiali alternativi alle plastiche vergini è la prima considerazione per lo sviluppo di imballaggi ecologici. Il materiale da imballaggio influisce sul consumo energetico e sui gas serra emessi dal processo di produzione.

Si potrebbe pensare direttamente alle bioplastiche come alternativa alle plastiche petrolchimiche. Le bioplastiche possono effettivamente essere una scelta più verde rispetto alle plastiche vergini, ma non sempre. Tra le altre ragioni, possono creare confusione quando si tratta di fine vita. Le bioplastiche possono essere prodotte da diversi materiali naturali, per esempio dagli amidi (che si trovano nelle verdure ma anche nei rifiuti organici, come la pelle delle verdure o il caffè macinato), dalla caseina (una proteina naturale contenente fosforo che si trova nel latte), dalla chitina (ampiamente presente nei molluschi, negli insetti e nei funghi), dalla pectina (che si trova nelle bucce degli agrumi), ma anche dalla cellulosa (contenuta nei rifiuti organici come i gusci delle noci). Anche se il materiale iniziale rimane migliore della plastica vergine, le bioplastiche sono ancora un punto interrogativo quando si tratta di fine vita.

Le bioplastiche possono essere trattate come rifiuti organici e trattate in digestori anaerobici o in impianti di compostaggio. Tuttavia, alcune bioplastiche possono anche essere riciclate esattamente come le plastiche vergini. Ciò causa confusione dal punto di vista dei consumatori. Pertanto, è essenziale una guida e informazioni chiare su come smaltire tale materiale.

D’altro canto, l’introduzione di contenuto riciclato nella miscela di plastica è un’altra opzione per ridurre l’impatto ambientale degli imballaggi in plastica durante la fase di produzione. La domanda di resina post-consumo o PCR è in aumento, il che spinge i produttori di imballaggi a interagire maggiormente con i riciclatori. Alcune sfide intorno alla plastica riciclata stanno raggiungendo gli standard di mercato in materia di igiene, così come le qualità estetiche come i colori e le texture.

2. Fase di distribuzione: considerare il trasporto efficiente

Oltre a fornire una superficie per mostrare il messaggio e le informazioni del marchio, l’altra funzionalità chiave dell’imballaggio è quella di ridurre il rischio di danneggiamento durante il trasporto.

La distribuzione comprende il trasporto tra gli impianti di produzione, ad esempio se l’imballaggio è realizzato con vari componenti, questi ultimi saranno trasportati al punto di assemblaggio. La distribuzione comprende anche il trasporto dal sito di produzione al magazzino o al rivenditore. Non dimentichiamo che durante il trasporto viene aggiunto un ulteriore livello di imballaggio per evitare qualsiasi rischio di danneggiamento. Questi livelli extra di imballaggio sono chiamati imballaggi secondari e imballaggi per il trasporto, sono un’aggiunta all’imballaggio primario. Di solito gli imballaggi secondari e di trasporto includono scatole di cartone, divisori interni di cartone, qualsiasi imballaggio shock, così come pellet e film plastici. Tutti questi elementi devono essere presi in considerazione nel calcolo dell’impatto ambientale complessivo di un bene confezionato.

Quando si tratta di distribuzione, l’ottimizzazione dell’occupazione dello spazio è una delle strategie da attuare per lo sviluppo di imballaggi più sostenibili. La riduzione degli spazi vuoti durante il trasporto delle merci non è da considerarsi scontata. Questo può essere ottenuto progettando imballaggi modulari che possono essere impilati uno sopra l’altro.

Inoltre, il peso complessivo dei prodotti influisce sulla quantità di energia necessaria per il trasporto. Le emissioni derivanti dal trasporto merci rappresentano circa un terzo delle emissioni totali di gas serra del trasporto. Più pesante è la merce trasportata, più energia è necessaria per muoversi. Pertanto, evitando il trasporto di articoli o materiali pesanti si riduce l’impatto della distribuzione.

 3. Fase d’uso: prolungamento della durata di vita dell’imballaggio

La fase di utilizzo dell’imballaggio si riferisce al periodo che va da quando l’imballaggio raggiunge la mano dell’utente finale fino a quando diventa un rifiuto.

Durante la fase di utilizzo, più a lungo l’utente mantiene l’imballaggio, più tardi diventerà un rifiuto. La maggior parte dei tipi di imballaggio venduti oggi sono monouso, avendo quindi una durata di vita molto breve. L’allungamento della durata di vita degli imballaggi è un fattore importante per ridurre al minimo l’impatto dei rifiuti di plastica. Non consumeremmo quindi così tanti imballaggi nello stesso tempo.

In risposta a ciò, gli imballaggi riutilizzabili stanno lentamente entrando sul mercato come alternativa agli imballaggi a perdere. Si stanno sviluppando nuovi modelli di business per accogliere gli imballaggi riutilizzabili; si stanno aprendo nuovi negozi all’ingrosso, si producono imballaggi più durevoli e modelli basati sugli incentivi spingono i cittadini ad aderire al movimento.

I sacchetti per la spesa riutilizzabili, le tazze di caffè riutilizzabili sono solo alcuni esempi. Su scala più ampia, l’iniziativa Loop è un esempio di come l’imballaggio riutilizzabile stia diventando una tendenza sempre più diffusa. Loop offre i suoi imballaggi riutilizzabili con un deposito cauzionale che sarà restituito al consumatore, una volta restituito l’imballaggio.

È necessario introdurre nuovi incentivi affinché i produttori di imballaggi adottino un modello riutilizzabile, anziché monouso. Attualmente, più producono e più vendono, il loro obiettivo è quello di produrre il maggior numero di unità nel minor tempo possibile. Far salire a bordo i produttori con imballaggi riutilizzabili è una sfida più difficile da superare. Pertanto, potrebbe essere più veloce quando la domanda di questa soluzione viene dal punto di vista del consumatore. Dal punto di vista del consumatore, tuttavia, i modelli riutilizzabili devono soddisfare gli standard di convenienza per essere ampiamente accettati dalla gente. Infatti, uno dei maggiori fattori di successo degli imballaggi usa e getta è la convenienza.

 4. Fine vita: rendere efficiente il riciclaggio

La fine del ciclo di vita degli imballaggi comprende tutte le attività che si verificano quando l’imballaggio non è più utilizzabile e diventa un rifiuto. Rendere i processi post-consumo, come il riciclaggio, più facili o più efficienti, migliorerebbe la fine del ciclo di vita degli imballaggi.

Gli imballaggi sono utilizzati per vari scopi, contengono diversi tipi di contenuto. Per soddisfare le varie funzioni che l’imballaggio deve svolgere, sono realizzati con materiali compositi. Ciò significa che il pezzo di imballaggio in plastica, può includere diversi tipi di plastica. Prendiamo il mio esempio preferito, il flacone dello shampoo. Un normale flacone di shampoo è fatto con vari componenti, il corpo del flacone che deve essere spremuto, la chiusura che si apre e si chiude e l’etichetta. Il corpo del flacone è di solito fatto con PoliEtilene HDPE ad alta densità, che è un tipo di plastica più flessibile che si può quindi spremere. Questo componente è solitamente prodotto con l’estrusione per soffiaggio, una tecnica di fabbricazione che prevede l’estrusione di un cilindro di plastica calda, che viene poi compresso tra le due metà di uno stampo. Un gas viene poi soffiato all’interno del materiale espanso per occupare l’intero volume dello stampo.

Dall’altro lato, la chiusura della bottiglia è più rigida, e di solito è realizzata con PolyPropylene PP, un materiale più rigido, che permette alla chiusura di aprirsi e chiudersi più volte. La chiusura è prodotta con lo stampaggio ad iniezione, una tecnica che permette un livello di complessità della forma molto più elevato.

Una strategia contro l’aspetto composito degli imballaggi, è quella di produrre imballaggi monomaterici che non necessitano di separazione durante il riciclo, diminuendo il livello di complessità durante il processo di riciclo. Un esempio di questo approccio è il mio design della bottiglia, Nepenthes, che combina la chiusura della bottiglia e del corpo in un unico componente (link). Nepenthes è stato recentemente premiato con il KMU Innovativ Einstiegsmodul, che ci permetterà di progredire nelle nostre attività di ricerca e sviluppo con l’obiettivo di portare il prodotto sul mercato.

Ogni giorno vengono introdotte soluzioni di imballaggio innovative. Già a novembre ho partecipato al New Plastics Economy Investor Day a Francoforte. Lì ho incontrato alcuni attori molto interessanti nel settore dell’imballaggio ecologico, tra cui:  

 

Marilu è una designer pluripremiata, che lavora attivamente nell’area dell’economia circolare. Si occupa di consulenza per l’imballaggio sostenibile e progetta soluzioni di imballaggio innovative. La sua esperienza combina l’applicazione creativa con la conoscenza tecnica della produzione di imballaggi e del riciclaggio della plastica.

Marilu Valente

Founder , Cyclic Design

Quattro strategie per sviluppare prodotti ecosostenibili

Quattro strategie per sviluppare prodotti ecosostenibili

Cos'é il ciclo di vita di un prodotto? Per i designer, l'estetica è definitivamente importante per rendere le persone interessate all'utilizzo del prodotto. Tuttavia, il ruolo del designer va al di là di questo. Infatti, la progettazione di un prodotto inizia...

leggi tutto
Innovare per ridurre i rifiuti dal packaging in plastica

Innovare per ridurre i rifiuti dal packaging in plastica

Case study: quali modelli di business consentono la prevenzione dei rifiuti nell'industria degli imballaggi in plastica   1. Gli attori chiave della filiera del packaging di plastica Come forse già sapete, i grandi marchi, i rivenditori e gli altri stakeholder...

leggi tutto